Primo Piano
banner_onaosi_anaao_animeto.gif

11.04.2016

On line il sito www.unitiperonaosi.it

ELEZIONI ONAOSI 2016. VOTA LA LISTA N. 1 UNITI PER IL FUTURO DELL'ONAOSI DI TUTTI

Il Segretario Nazionale Simet nella lista N. 1 Onaosi

ONAOSI: SI VOTA FINO AL 23 GIUGNO sono in corso le operazioni elettorali che porteranno la Fondazione ONAOSI al rinnovo della propria governance. Le schede elettorali con l’espressione di voto dovranno pervenire alla Fondazione entro le ore 15.00 del 23 giugno 2016. Concluse le operazioni di scrutinio, nel mese di luglio avverrà la proclamazione degli eletti e l’insediamento del nuovo Comitato di Indirizzo.   [ Leggi ]

In Rilievo

05.02.2016

Il Simet per i propri iscritti

Le proposte su misura per colpa grave, patrimoniale, responsabilita' civile

Leggi l'informativa e scopri gli aspetti più vantaggiosi riservati agli iscritti Simet. Scarica la Scheda, compilala in tutte le sue parti e rinviala a assicurazioni@simetsind.it per ricevere il tuo preventivo personalizzato. 

 

 

 

 

 

Le schede prodotto hanno valore indicativo e non sostituiscono in alcun modo le condizioni contrattuali indicate nella polizza originale.

 

Consulenze

- Trattamento previdenziale (pensioni, TFR)
Ogni primo e terzo lunedí del mese dalle 10.30 alle 12.30 presso la Sede Nazionale. [info]

- Consulenza trattamento economico (buste paga)
Ogni primo giovedí del mese dalle 17.00 alle 19.00 presso la Sede Nazionale. [info]

Bacheca
uniter_bluaccredia_web_piccola.jpg

11.03.2016

Articolazione operativa ECM SIMET

Politica Qualità

 

Organigramma


aaa_6423414_governo_logo_quadrato.png

09.03.2016

Flash: sciopero sospeso

Resta lo stato di agitazione su tutto il territorio nazionale

Si è concluso da pochi minuti l'incontro a Palazzo Chigi Sindacati Medici - Governo. Il Segretario Mazzoni annuncia che lo sciopero è sospeso. Segue comunicato congiunto.

VERTENZA SALUTE: IL COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO GOVERNO-SINDACATI*** Il comunicato diaramato al termine dell'incontro di questa mattina a Palazzo Chigi fissa gli argomenti dei tavoli: valorizzazione della professione medica; articolo 22 del patto per la salute; percorsi di stabilizzazione del personale precario; riforma del sistema di formazione, pre e post laurea; avvio delle trattative per il rinnovo dei contratti e delle convenzioni; verifica dell'applicazione del comma 236 della legge di stabilità 2016. Leggi il comunicato

Il commento del Segretario Mazzoni sull'incontro di Palazzo Chigi

Cari Colleghi, come vi ho preannunciato ieri, dopo l’incontro abbastanza positivo col Governo abbiamo deciso come intersindacale di sospendere lo sciopero per 60 giorni. Attenzione, sospendere, ma la vertenza rimane aperta e resta lo stato di agitazione su tutto il territorio nazionale, che proseguirà con una nuova manifestazione nazionale a Firenze, forse alla Leopolda – dopo quella di Napoli dello scorso 20 febbraio – in programma per aprile o maggio. L’incontro tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e le Organizzazioni Sindacali mediche, veterinarie e della dirigenza sanitaria è stato 'provocato' dalla proclamazione dello sciopero per i prossimi 17 e 18 Marzo. Abbiamo nuovamente esposto problemi su cui abbiamo più volte richiamato l’attenzione dei nostri politici al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Prof. Claudio De Vincenti, al Ministro della Salute On. Beatrice Lorenzin e al Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione On. Marianna Madia. L’incontro a mio parere è stato positivo, non fosse altro per l’atteggiamento del Sottosegretario De Vincenti, che in questo momento ha il cerino in mano. Abbiamo ricevuto rassicurazioni di un impegno concreto da parte del Governo ad affrontare e risolvere i problemi della Sanità. Già nei prossimi giorni saranno affrontati lo sblocco del turn over, l’assunzione dei precari, l’apertura del tavolo della contrattazione della dipendenza e della convenzione, l’attuazione del Patto della Salute oltre ad un impegno economico supplementare per finanziare il sistema sanitario nazionale pubblico. Ora ci sarà un prossimo incontro il 14 marzo sull'ex Art. 22 del Patto per la Salute tra sindacati e Lorenzin. Ma la guardia resta alta, anche se abbiamo deciso di sospendere lo sciopero. L’elemento che ci ha fatto decidere è stata la percezione di una forte attenzione da parte del governo. Mi pare di leggere nell’atteggiamento di De Vincenti la scelta chiara per la sanità pubblica, accompagnata da una critica al modello assicurativo, sia dal punto di vista dei diritti che economico. Sono stati riconosciuti come reali i problemi da noi indicati, ma un solo incontro, sia pure positivo, non può risolvere anni di problemi in sanità, bisogna dunque vigilare sulla effettiva attuazione degli impegni presi durante l’incontro di ieri. Certo che questa può essere considerata una vittoria dell’intersindacale medica e di quelli come noi del Simet che concorrono a tenerla unita.


18.02.2016

Approvato durante l'esecutivo del 10 febbraio il documento con le linee programmatiche FASSID

Leggi il documento



10.01.2016

LEGGE STABILITA' 2015

 


01.01.2016

Calcolo pensione: un'avvertenza di Fernando Benedetti

Attualmente risultano molte richieste di pensionamento di Dirigenti la cui anzianità contributiva decorre da data successiva al 31/12/1977. Ciò implica che il calcolo per determinare il trattamento economico deve essere effettuato con il sistema misto, pertanto, per chi si trova nella posizione indicata, viene richiesto sempre l'ultimo cedolino di stipendio ed in aggiunta i redditi lordi di ogni anno percepiti dal 1996 ad oggi. Detti redditi lordi si possono rilevare dai C.U.D.. In questo modo si potrà calcolare la pensione con un'approssimazione del 95% circa rispetto a quella che verrà attribuita. Per le anzianità retributive che decorrono prima del 31/12/1997 resta tutto inalterato. Fernando Benedetti

 


05.06.2015

Standard ospedalieri, il testo in Gazzetta

L'anticipazione di Sole Sanita'

di Lucilla Vazza - Sole Sanità -  Il testo del Regolamento sugli standard ospedalieri è approdato in Gazzetta. Una notizia che gli addetti al lavori aspettavano da mesi.Una genesi travagliata, con una prima versione del testo presentato l’estate scorsa (vedi la nostra anticipazione ) poi rispedito al mittente «con ignominia» dal Consiglio di Stato a causa dei molti errori formali, ma anche sintattici. LEGGI L'ARTICOLO

 



images_copy14.jpg

06.03.2013

SIMET firma la convenzione con Galeno

Nuovi servizi per gli iscritti

Il SIMET ha firmato una convenzione con Galeno, la Cassa pensata dai medici per i medici. Galeno è una alternativa originale e innovativa rispetto alle altre forme di assistenza sanitaria e di previdenza integrativa. E’ stata creata per tutelare i medici e le proprie famiglie dagli imprevisti che possono accadere in tutte le fasi della vita. Il medico che aderisce a Galeno non è solo un assicurato ma prima di tutto un Socio che prende attivamente parte alla vita associativa. Per ulteriori informazioni o per ricevere materiale informativo: NUMERO VERDE: 800 99 93 83 –f ax: 06/44 24 87 05

Leggi il redazionale    Vai al sito Galeno

Visita il sito della Fondazione ONAOSI   Visita il sito di Medici Senza Frontiere
Notizie

22.06.2016

Esclusiva Sole 24 Ore Sanita'

Ecco i nuovi Lea aggiornati da Lorenzin e inviati alle Regioni. Impatto complessivo: 771,8 milioni

Trentanove pagine di testo generale che, in 63 articoli, mandano in soffitta il Dpcm del 29 novembre 2001 e «numerosi altri provvedimenti attualmente in vigore», come si legge nella Relazione illustrativa. Si riscrivono così i criteri dei nuovi Livelli essenziali di assistenza, attesissimi e in stand-by da 16 mesi. Il testo inviato dalla ministra della Salute alle Regioni, che Sanità24 è in grado di anticipare, si articola nei 3 rami classici “prevenzione collettiva”, “assistenza distrettuale” e “assistenza ospedaliera” e contiene - rispetto al decreto che abroga - una serie di novità.Leggi tutto

21.06.2016

Parte la trattativa per la medicina generale. Sisac aperta a modifiche

INTESA SINDACALE: permangono tutte le perplessita'....

Prossimo incontro 12 luglio

Si e' aperta oggi la trattativa per il rinnovo della convenzione dei medici di medicina generale. Dalla Sisac arrivano aperture sulla nuova bozza di articolato. Questa la dichiarazione di INTESA SINDACALE:"Permangono tutte le perplessita'" 21 GIU - Si e' svolto a Roma nella giornata di oggi 21 giugno presso la sede della SISAC l'incontro introduttivo alla trattativa per il rinnovo dell'ACN MMG. E' stata una riunione interlocutoria in cui la parte pubblica ha presentato la bozza di contratto e ha chiesto alle OOSS di condividere il modello organizzativo delle AFT (proposto dalle Regioni) e della funzione della continuita' assistenziale all'interno del ruolo unico. Rimangono tutte le perplessita' riguardo la continuita' assistenziale H24. Rimangono tutte le preoccupazioni relative allo smantellamento della guardia medica notturna. Rimangono tutte le perplessita' a discutere il contratto a isorisorse anche se il Presidente Pomo ha dato disponibilita' di avvalersi delle risorse delle regioni non ancora utilizzate. Ribadiamo la nostra disponibilita' a continuare le trattative e a dare il nostro contributo affinche' il contratto venga condiviso da parte di tutte le OOSS di categoria. La prossima convocazione del giorno 12 luglio ci permettera' di consultare la nostra base.

fiuggi.jpg

16.06.2016

Save the date! A Fiuggi del 22 al 25 settembre il prossimo Congresso Simet

La nuova stagione contrattuale: costruiamo il presente per garantire il futuro

Si terrà a Fiuggi, presso l'Hotel Silva Splendid Congress & SPA il XXVI Congresso Simet. Dal 22 al 25 settembre confronto sindacale, ECM e pause benessere nella SPA dell'hotel. Save the date!

Programma Preliminare

Scheda Iscrizione

15.06.2016

Delega lavoro, positivo il FASSID sull'incontro al Ministero

Entro giovedi' dovrebbe arrivare risposta Regioni

Il documento di sintesi inviato dal Ministero

Positivo il commento dei sindacati raccolto dopo la riunione di Lungotevere Ripa sull ex art. 22. Saltano però sia il “doppio binario” per l'accesso al Ssn e la specializzazione in medicina generale. Sì alla rete formativa “mista”, stessa carriera per clinici e gestionali e determinazione del fabbisogno standard di personale. Ministero della Salute e Sindacati confermano l'accordo, il Miur non sembra ostile mentre le Regioni e il Mef rimandano la decisione alla prossima settimana.

Il comunicato intersindacale

La rassegna stampa

15.06.2016

Il Consiglio dei Ministri ratifica le 4 aree contrattuali

Via libera dal Consiglio dei Ministri alla riduzione a 4 aree contrattuali per la Pubblica Amministrazione, dopo l'intesa con i sindacati dello scorso aprile. "Ora è possibile iniziare a discutere con i sindacati per il rinnovo che è fermo da anni. Era un obbligo, dopo la sentenza della Corte Costituzionale, ma anche un dovere che ci sentiamo di prendere come Governo. Oggi facciamo un primo passo. Su questo voglio però essere molto chiaro: si richiederanno tempi non semplicissimi". Così il premieri Matteo Renzi ha commentato la misura nel corso della conferenza stampa. Ricordiamo come, da intesa con i sindacati, saranno questi i 4 comparti: Funzioni centrali, Funzioni locali, Istruzione e ricerca e Sanità. Per la dirigenza sanitaria ci sarà un'area specifica che non comprenderà però i dirigenti amministrativi, tecnici e professionali. Questi ultimi confluiranno nell'area Funzioni locali. Mentre dirigenti infermieri, dirigenti ostetriche, dirigenti tecnici sanitari, della riabilitazione e della prevenzione confluiranno nell'area della dirigenza sanitaria. 

07.06.2016

La bozza SISAC per la convenzione anticipata da Sole Sanita'

L’appuntamento è per il 15 giugno. Quella la data in cui il coordinatore della Sisac Vincenzo Pomo presenterà ufficialmente ai sindacati l’“Ipotesi di Acn per la disciplina dei rapporti con i Medici di medicina generale”.

Scarica la bozza SISAC

08.06.2016

NESSUNA UNANIMITA' E CONDIVISIONE SU TRE PUNTI DEL DOCUMENTO SULL'ARTICOLO 22 DELL'INTERSINDACALE: ATTO DI INDIRIZZO, NUMERO CHIUSO, FORMAZIONE IN MEDICINA GENERALE

I chiarimenti di SIMET, CGIL, CISL, UIL, SMI nella lettera a Lorenzin e Regioni

Fp Cgil Medici, Cisl Medici, Uil Fpl Medici, Smi e Simet scrivono al ministro Lorenzin e alle Regionie ribadiscono: NO ALL'ATTO DI INDIRIZZO E ALL'H16, NO A RESTRIZIONI ALL'ACCESSO ALL'UNIVERSITÀ, SÌ ALLA TRASFORMAZIONE IN SPECIALIZZAZIONE UNIVERSITARIA PER LA FORMAZIONE IN MEDICINA GENERALE 8 giugno - Sindacato dei Medici Italiani-Smi, Fp Cgil Medici, Cisl Medici, Uil Fpl Medici e Simet hanno inviato una lettera al Ministro Beatrice Lorenzin e al Coordinatore della Commissione Salute, Antonio Saitta (in cui si precisano alcuni aspetti della missiva dell'intersindacale inviata il 6 giugno scorso, sul punto b) del documento relativo all'articolo 22 del Patto per la Salute, presentato dalle Regioni. I sindacati contestano di aver sottoscritto e condiviso tre punti in particolare: sulla valutazione dell'Atto di indirizzo, sull'accesso alla facoltà di medicina, sul corso di formazione in medicina generale. Rimane, invece, invariato il giudizio positivo su quanto già definito e concordato nella cosiddetta Vertenza Salute. Smi, Fp Cgil Medici, Cisl Medici, Uil Fpl Medici e Simet ribadiscono la netta contrarietà al passaggio dell'Intersindacale in cui si parla di 'entrare nella fase risolutiva degli accordi delle convenzioni, che devono accogliere gli intendimenti delle recenti integrazioni all'atto di indirizzo'. Queste sigle infatti, come è noto, hanno infatti sempre contestato "l'ultima integrazione all'atto di indirizzo che nei fatti supera l'h24 a favore dell'h16 a danno dell'assistenza notturna dei cittadini e degli stessi medici della guardia medica". Si contesta, quindi, la richiesta di intervenire con un maggiore rigore e 'maglie più strette' nell'accesso al corso di laurea in medicina e chirurgia, in quanto si considera più corretto percorrere altre strade. Smi, Fp Cgil Medici, Cisl Medici, Uil Fpl Medici e Simet propongono, infatti, che "vada rivista tutta la problematica dell'accesso al corso di laurea, garantendo a tutti gli aspiranti medici l'accesso iniziale, con una selezione successiva in base a criteri oggettivi". Infine, si ritiene, non più derogabile "la trasformazione del corso di formazione in medicina generale in una specializzazione universitaria, ancorché con formazione sul territorio, così come avviene negli altri paesi europei, con equiparazione delle borse di studio tra gli attuali medici formandi e specializzandi".

 

03.06.2016

COMUNICATO STAMPA SMI - FP CGIL MEDICI - CISL MEDICI - UIL FPL MEDICI - SIMET

Le Regioni ribadiscono il taglio della guardia medica notturna per i cittadini, la Lorenzin intervenga

Il re e' nudo.....

Roma, 3 giugno 2016 - “La lettera con la quale il Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità, Massimo Garavaglia, ha respinto le richieste di modifica dell'Atto di indirizzo per il rinnovo della convenzione di medicina generale da parte del Ministero della Salute desta sconcerto e preoccupazione, in primo luogo per l'assistenza notturna ai cittadini, oltre che per gli stessi medici operanti nella guardia medica, nel 118 e nei pronto soccorso degli ospedali”. È quanto si legge in una nota di Smi, Fp Cgil Medici, Cisl Medici, Uil Fpl Medici e Simet. “L'unica concessione delle Regioni - proseguono - è che in particolari situazioni la singola azienda sanitaria possa valutare l'attivazione del servizio di continuità assistenziale anche oltre l'h16, aumentando anche le diseguaglianza delle prestazioni, tra aziende/regioni più ricche e più povere. Peraltro senza neanche volerlo chiaramente scrivere nello stesso Atto di indirizzo ma affermando che sarà scritto nel nuovo articolato della convenzione, senza che sia iniziata la trattativa. Siamo a sole promesse, scarne e largamente insufficienti”. “È come se - precisano Smi, Fp Cgil Medici, Cisl Medici, Uil Fpl Medici e Simet -diversi sindacati, il Ministero della Salute, le associazioni dei cittadini, tanti Comuni e i diversi parlamentari che hanno presentato interrogazioni, abbiano tutti preso un abbaglio. Invece le Regioni, a braccetto con un unico sindacato, imperterrite continuano a pensare che nella stragrande maggioranza delle situazioni l'assistenza notturna sia da demandare al 118 e ai pronto soccorso ospedalieri, superando la stessa vigente legislazione che prevede l'H24. Ma la tutela della salute dei cittadini dalla mezzanotte alle 8 della mattina non è una questione che possono decidere da sole le Regioni con un sindacato medico, seppure maggiormente rappresentativo nell'area della sola medicina generale”. “Il re è nudo. Si ponga fine al balletto delle lettere e il Ministro Lorenzin e la politica si assumano le proprie responsabilità. Invece, di proseguire sulla strada del grottesco e dei pasticci in salsa nazional-regionale, non è più saggio resettare l'Atto di indirizzo e ripartire da un sistema che già in gran parte funziona ? Quindi aprire un tavolo di confronto, immediato e rapido, per potenziare la continuità dell'assistenza per i cittadini sull'h24, valorizzare la medicina di iniziativa, di gruppo e in rete, puntare sul ruolo unico declinato con il tempo pieno, non come impostato ora. Ma soprattutto bisogna evitare di confondere i ruoli e di far operare inappropriatamente il sistema di emergenza e urgenza, già in affanno e di scaricare il tutto sul Pronto soccorso, già con pochi medici, spesso anche precari. Quindi mettere in sicurezza le postazioni di guardia medica. Ultima domanda: ma scegliere il buonsenso non è fare la cosa giusta per una buona sanità?”, concludono Smi, Fp Cgil Medici, Cisl Medici, Uil Fpl Medici e Simet. Leggi il Sole sanità 

Quotidiano Sanita'

Panorama Sanita'

 

Contatti | Mappa del Sito