In Rilievo
civtanova_small.jpg

02.10.2017

IL Congresso Nazionale conferma Mauro Mazzoni alla guida del sindacato

XXVII Congresso Nazionale S.I.Me.T. - FASSID Area S.I.Me.T.

Per Aspera ad Astra: il rinnovo contrattuale

Roma, 2 ottobre 2017 – Si è concluso ieri a a Civitanova Marche con un intervento del Sottosegretario alla Giustizia Sen. Federica Chiavaroli il congresso dei medici del territorio. La senatrice Chiavaroli  ha ribadito l’importanza della rappresentanza sindacale alla luce delle affermazioni apparse sui media due giorni fa.  Il Congresso, cui la Ministra Lorenzin ha voluto far arrivare un indirizzo di saluto, ha confermato per acclamazione Mauro Mazzoni alla guida del sindacato per il prossimo quinquennio. Nella relazione del Segretario Nazionale Mazzoni largo spazio alla partita dei rinnovi contrattuali per medici dipendenti e convenzionati, argomento che vede il fermento di tutte le organizzazioni sindacali dopo il recente incontro col Comitato di settore e la riunione per l’ACN. “L’obiettivo è ottenere migliori garanzie per tutti, non essere un sindacato elitario fuori dalla realtà. Dagli aumenti salariali ai turni di lavoro, dagli scatti di carriera alle tutele assicurative, senza dimenticare i capitoli giovani, precariato e l’esigibilità del contratto. Questi sono gli ostacoli che dovremo affrontare nei prossimi mesi in vista di un rinnovo contrattuale atteso da otto anni. Per farcela lo sforzo deve essere collettivo e da parte nostra non possiamo che indicare la via della coesione e dell’unità intersindacale. Gli steccati non servono. Molto meglio cercare ciò che ci unisce sempre nel rispetto delle differenze. A maggior ragione, oggi, alla vigilia di un difficile rinnovo contrattuale che, per la prima volta, vede un tavolo negoziale diverso da quelli precedenti e che coinvolge, innovativamente, Dirigenza Medica e Dirigenza Sanitaria”. La strada dell’unità sindacale dunque per Mazzoni l’unica via perseguibile per affrontare le sfide autunnali della contrattazione, e gestire l’opposizione a qualunque taglio ulteriore ai fondi della sanità. Ma nella relazione anche lo spazio per una riflessione sul sindacato e sull'esigenza di riscoprirne i suoi antichi valori. Valori richiamati anche nella Mozione conclusiva, che indica i passi da seguire nella difficile tornata contrattuale.

Consulenze

- Trattamento previdenziale (pensioni, TFR)
Ogni primo e terzo lunedí del mese dalle 10.30 alle 12.30 presso la Sede Nazionale. [info]

- Consulenza trattamento economico (buste paga)
Ogni primo giovedí del mese dalle 17.00 alle 19.00 presso la Sede Nazionale. [info]

Bacheca
uniter_bluaccredia_web_piccola.jpg

22.06.2017

Articolazione operativa ECM SIMET

Politica Qualità SIMET 2017

Organigramma


18.02.2016

Approvato durante l'esecutivo del 10 febbraio il documento con le linee programmatiche FASSID

Leggi il documento


images_copy14.jpg

06.03.2013

SIMET firma la convenzione con Galeno

Nuovi servizi per gli iscritti

Il SIMET ha firmato una convenzione con Galeno, la Cassa pensata dai medici per i medici. Galeno è una alternativa originale e innovativa rispetto alle altre forme di assistenza sanitaria e di previdenza integrativa. E’ stata creata per tutelare i medici e le proprie famiglie dagli imprevisti che possono accadere in tutte le fasi della vita. Il medico che aderisce a Galeno non è solo un assicurato ma prima di tutto un Socio che prende attivamente parte alla vita associativa. Per ulteriori informazioni o per ricevere materiale informativo: NUMERO VERDE: 800 99 93 83 –f ax: 06/44 24 87 05

Leggi il redazionale    Vai al sito Galeno

Visita il sito della Fondazione ONAOSI   Visita il sito di Medici Senza Frontiere
Notizie

16.01.2018

Manovra 2018, norme scarne sul personale e rebus Ria, di Stefano Simonetti

Estrapoliamo da un articolo de Il Sole 24 Ore Sanità una interessante analisi sulla RIA. Leggi tutto l'articolo. La retribuzione individuale di anzianità (RIA) è un particolare emolumento del trattamento economico fondamentale dei dipendenti del S.s.n. Nasce in stretta connessione con la soppressione degli automatismi contrattuali che prevedevano otto classi biennali pari al 6% del tabellare iniziale più aumenti periodici pari al 2,5% sul valore dell'ultima classe; per i medici tale progressione era attuata anche sull'indennità medico-specialistica e su quella di tempo pieno. Il sistema descritto non è stato però abbandonato in modo uniforme dal personale dipendente. Infatti tutto il comparto e la dirigenza sanitaria, professionale, tecnica e amministrativa hanno cessato di godere della progressione automatica il 31 dicembre 1986 (art. 45 del DPR 270/1987) mentre per la dirigenza medica e veterinaria la progressione è continuata fino al 31 dicembre 1997 (art. 47 del CCNL del 6.12.1996) con un conseguente evidente delta di circa un 30 % di salario di anzianità in più a favore dei medici, generato dai dieci anni di prosecuzione degli automatismi. La RIA consiste, dunque in pratica, nel valore che ciascun dipendente aveva maturato alle predette date di soppressione con l'aggiunta, in ratei, di quanto era in corso di conseguimento, il cosiddetto maturato in itinere. Alla luce delle precisazioni di cui sopra, è intuibile come la questione RIA riguardasse molto marginalmente comparto e dirigenza SPTA e fosse, al contrario, una pregiudiziale fondamentale per la dirigenza medica e veterinaria. Per comprendere l'entità della problematica si può segnalare che per un “primario” sessantenne la RIA può raggiungere anche i 1.500 € mensili.  [ Leggi ]

11.01.2018

Comunicato stampa dell'Intersindacale

SENZA CONTRATTO LA PROTESTA DEI MEDICI E DIRIGENTI SANITARI CONTINUA!

Le organizzazioni sindacali chiamano i medici e i dirigenti sanitari a inasprire la protesta con ulteriori azioni fino ad organizzare manifestazione in tutte le Regioni e aziende sanitarie in mancanza di concreti segnali che sblocchino un insostenibile stallo.Comunicato Intersindacale

08.01.2018

Pronti a nuovo sciopero

Domani intersindacale

Tra le nostre priorità per l'anno che è appena iniziato, ci rimane il rinnovo del contratto nazionale di lavoro del personale sanitario, che non vuol dire solo maggiori risorse economiche, ma anche miglioramento delle condizioni di lavoro e un ruolo nuovo nell'organizzazi one del lavoro stesso. L'appuntamento intersindacale con i rappresentanti delle diverse categorie della dirigenza medica e sanitaria è in programma per domani 9 gennaio. In quella sede verranno condivise e decise le azioni per il 2018.La prima giornata di astensione dal lavoro del 12 dicembre scorso è stato un successo. Ora sono annunicate  altre due giornate di sciopero in programma i prossimi 8 e 9 febbraio.

22.12.2017

DDL Lorenzin approvato dal Senato in terza lettura con 148 voti favorevoli, 19 contrari e 5 astenuti.

Dopo 10 anni arriva la riforma degli Ordini professionali sanitari. Il provvedimento interviene anche in materia di sperimentazione clinica introducendo uno specifico riferimento alla medicina di genere e all'età pediatrica. Vengono individuati i comitati etici territoriali (fino ad un massimo di 40), a cui sono stati affiancati comitati etici a valenza nazionale (nel numero massimo di 3), di cui uno dedicato alla sperimentazione in ambito pediatrico. Stretta sull'abusivismo professionale. Vengono apportate modifiche alla Legge 24 del 2017 sulla responsabilità medica. TESTO APPROVATO

20.12.2017

LEGGE DI BILANCIO: NUOVE PROSPETTIVE PER IL CONTRATTO DI MEDICI, VETERINARI E DIRIGENTI SANITARI.

UN CAMBIO DI ROTTA?

Il lavoro delle Commissioni Parlamentari sugli emendamenti alla Legge di Bilancio dà un segnale di apertura ai dirigenti sanitari che attendono da 8 anni il rinnovo del CCNL.A fronte delle richieste delle organizzazioni sindacali della Dirigenza medica e sanitaria di utilizzare la Retribuzione individuale di anzianità del personale medico e sanitario a ristoro dei fondi contrattuali, la maggioranza di governo ha modificato, anche dopo le loro proteste, un orientamento iniziale al ribasso. Ed ha reso utilizzabile per il Ccnl risorse economiche aggiuntive, a partire però dal 2019, per attenuare gli effetti di un blocco sine die, disposto da un improvvido provvedimento della cosiddetta riforma della pubblica amministrazione.Continua a leggere il comunicato intersindacale

18.12.2017

NUOVE TARIFFE ASSICURATIVE COLPA GRAVE E RC DEDICATE A SIMET

 Leggi l'informativa e scopri gli aspetti più vantaggiosi riservati agli iscritti Simet. Scarica la Scheda, compilala in tutte le sue parti e rinviala a assicurazioni@simetsind.it per ricevere il tuo preventivo personalizzato.

15.12.2017

I MEDICI E I DIRIGENTI SSN: SENZA RISPOSTE,SARÀ SCIOPERO 8 E 9 FEBBRAIO 2018.

La larga adesione dei medici, veterinari e Dirigenti sanitari allo sciopero del 12 dicembre rappresenta una chiara denuncia delle responsabilità che stanno portando la sanità pubblica al collasso e massacrando le condizioni di lavoro dei suoi professionisti. Non è stato facile decidere di non erogare centinaia di migliaia di prestazioni per un giorno, ma è stato necessario dare un segnale forte per tentare di evitare la chiusura per fallimento.Leggi il comunicato intersindacale

14.12.2017

Le curiose interpretazioni di una sentenza

SENTENZA FAVOREVOLE DAL CONSIGLIO DI STATO PER SIMET LOMBARDIA

Il 5 dicembre il Consiglio di Stato, cui Simet Lombardia si era rivolto per la questione relativa al nostro ricorso al TAR sulla Riforma cronicità della regione lombarda, ha emesso sentenza a noi favorevole, sollecitando l'udienza di merito. Appaiono curiose alcune interpretazioni del fatto da parte dei media e, sopratutto, appare curiosa la soddisfazione dell'Assessore Gallera su quella che è in realtà una sconfessione dell'operato della Regione. Riportiamo ad esempio il titolo di Quotidiano Sanità: Consiglio di Stato conferma la linea del Tar: niente sospensiva. Ma sollecita l’udienza di merito Soddisfatto l’assessore alla Salute, Giulio Gallera, secondo il quale la sentenza del Consiglio di Stato “ribadisce e riconferma la correttezza e legittimità dell’operato della Regione”. Per il Simet, che aveva presentato ricorso in appello, dalla motivazione appare invece “evidente che il Consiglio di Stato ha ritenuto valide le motivazioni del ricorso”.Leggi Quotidiano Sanita' .

Di diverso parere Panorama Sanità, che il 7 dicembre titola: Riforma cronictà Lombardia, Accolto l’appello del Simet al Consiglio di Stato Leggi Panorama Sanità

Nel mezzo DoctorNews: Riforma cronicità Lombardia, Consiglio di Stato: il Tar si esprima in tempi rapidi Leggi Doctornews

L'ultima parola ce l'ha il Sole Sanità, che nel settimanale dell'11 dicembre titola : Riforma lombarda in bilico Leggi Sole Sanità

Troppi galli a cantare, non si fa mai giorno. Di certo ribadiamo che la corretta interpretazione dell’ordinanza del Consiglio di Stato, contrariamente a quanto affermato dall’Assessore Gallera, mette in serio dubbio la legittimità della delibera regionale sulla cronicità e pertanto, la manifestata volontà dell’assessore di procedere con l’invio delle lettere a 3000 di pazienti cronici, rischia di diventare uno spreco di risorse dei contribuenti lombardi.

 

small.jpg

12.12.2017

Care Colleghe e Colleghi,

lo sciopero nazionale di oggi è il risultato del disinteresse della politica verso il servizio sanitario nazionale. Non è stata per noi una ritorsione, ma l'ultimo appello per salvare il nostro SSN. Oggi abbiamo scioperato tutti, uniti e compatti. Tra i nostri dirigenti medici e sanitari l'adesione ha raggiunto la quasi totalità, Il sit in a Roma davanti al MEF, le altre 50 iniziative simili organizzate per l’Italia, testimoniano coscienza dell’importanza della posta in gioco.  E tutto questo nonostante la reiterazione, in queste ore, di numerosissimi comportamenti antisindacali per impedire il diritto di sciopero, messi in atto da certe Amministrazioni. Non ci fermeremo fino a che i dirigenti medici, veterinari e sanitari che oggi hanno scioperato  non saranno riammessi nell’agenda del governo ed un nuovo contratto non venga a definire condizioni di lavoro più dignitose e sicure per tutti i lavoratori e gli assistiti. Avanti così, avanti tutta!

12.12.2017

Adesione massiccia in tutta Italia al nostro sciopero!

E non finisce qui

06.12.2017

Manifestazioni in tutta Italia

Il 12 dicembre si sciopera

Scarica locandina sciopero

05.12.2017

CODIRP FIRMA IL CONTRATTO QUADRO SULLE PREROGATIVE SINDACALI

È stato definitivamente firmato ed è pertanto operativo a tutti gli effetti dal 5 dicembre 2017 il contratto nazionale quadro su lle prerogative sindacali (permessi e distacchi). Le variazioni rispetto all’ipotesi di accordo siglata lo scorso 26 luglio sono minime e lessicali. Entrano a pieno regime alcune novità: - Si prende atto del nuovo assetto delle aree contrattuali anche ai fini della ripartizione dei permessi aziendali, con monte ore non più suddiviso in 8 aree ma in 4. - Si valorizzano anche a livello decentrato (come è già avvenuto a livello centrale) anche le deleghe dei dirigenti a tempo determinato, utili per la rappresentatività e la ripartizione dei permessi azie ndali. - Si introducono alcune flessibilità in particolare la frazionabilità dei distacchi passa dal 50% al 75%, i permessi per gli organi statutari sono cumulabili con i distacchi parziali. - Si istituisce un nuovo contingente nazionale di monte ore di permessi utilizzabile per l’espletamento del mandato - Si ribadiscono le prerogative dei dirigenti sindacali - Si superano incertezze e conflittualità scaturite da interventi legislativi, riportando la materia alla competenza della contrattazione - Aumenta la percentuale di permessi spostabile dal centro alla periferia compensabile però con con- tingenti nazionali utilizzabili a livello decentrato. CCNQ

29.11.2017

Partecipa anche tu. Segui la diretta, twitta #vertenzasanita2017

Clicca il banner per la diretta

Contatti | Mappa del Sito