In Rilievo

11.10.2018

Concluso il XXVIII Congresso Simet 15 - 18 novembre a Cesenatico

Salvaguardia del SSN e inversione di rotta sulle politiche del personale centrali nella relazione del Segretario Mazzoni

 

Programma

Mozione Congressuale          ANSA

QUOTIDIANO SANITA'

PANORAMA SANITA'

DOCTORNEWS

Si è concluso domenica 18 novembre a Cesenatico il Congresso SIMET- FASSID Area Simet che ha visto un serrato confronto interno tra dirigenti e quadri sindacali dello storico sindacato. Al centro della discussione ovviamente il delicato momento politico nel quale ci si trova ad affrontare un rinnovo del contratto di lavoro dei medici, fermo da dieci anni, in una incertezza totale sulle risorse economiche destinate e sulla programmazione gestionale. Ma nei lavori congressuali c’è stato anche ampio spazio alla formazione, con due ECM dedicati alla nuova privacy (Avv. Teresa D'Amico) e alla politica vaccinale (Prof. Carlo Signorelli-Dott. Rosario Mete). A questo link gli interventi autorizzati dagli autori.

Consulenze

- Trattamento previdenziale (pensioni, TFR)
Ogni primo e terzo lunedí del mese dalle 10.30 alle 12.30 presso la Sede Nazionale. [info]

- Consulenza trattamento economico (buste paga)
Ogni primo giovedí del mese dalle 17.00 alle 19.00 presso la Sede Nazionale. [info]

Bacheca
Visita il sito della Fondazione ONAOSI   Visita il sito di Medici Senza Frontiere
Notizie

20.02.2019

Il Simet con Intesa Sindacale convocato il 27 febbraio per trattative rinnovo ACN

Le organizzazioni sindacali, risultanti dalla verifica di rappresentatività disposta alla data del 1 gennaio 2013, sono convocate presso la sede SISAC (Roma, Via Barberini, 47) il giorno mercoledì, 27 febbraio 2019, alle ore 11,00 per la ripresa delle trattative di rinnovo dell’ACN per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale.

18.02.2019

Domani audizione informale Codirp in XI Commissione

Le Commissioni riunite Affari Costituzionali e Lavoro pubblico e privato della Camera stanno esaminando il disegno di legge C. 1433 Governo, approvato dal Senato, recante “Interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell’assenteismo”. In tale ambito, le Commissioni hanno convenuto di avviare un ciclo di audizioni informali sul provvedimento. La nostra Confederazione dirigenti e professionisti pubblici (CODIRP) sarà in audizione informale martedì 19 febbraio 2019, alle ore 11.45, presso l’Aula della XI Commissione.

18.02.2019

Autonomie regionali bocciate dal «popolo della sanità». I risultati della consultazione Gimbe

Da Sole Sanità - articolo di Barbara Gobbi

Una bocciatura sonora nel silenzio assordante sui risvolti del regionalismo differenziato in ambito sanitario arriva dai primi risultati della consultazione pubblica che la Fondazione Gimbe ha lanciato dal 6 al 17 febbraio scorso, subito dopo il Consiglio dei ministri del 15 che era stato convocato per analizzare le proposte di Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna e che si è concluso con una sostanziale battuta d'arresto. Un gelata cui ha contribuito anche la diramazione del documento M5S contrario all'avvio dell'intero processo, in mancanza di una previa fissazione dei Lep (i Livelli essenziali delle prestazioni) e di un corretto conteggio dei fabbisogni standard, da affidare alla Commissione tecnica ad hoc. Continua a leggere

23.01.2019

Il Segretario Mazzoni al Convegno "ICT - Privacy e Tutela dei Dati in Sanità - Innovazioni in Medicina - Intelligenza Artificiale - Robotica" a Cortina D'Ampezzo

Il Segretario Nazionale Mauro Mazzoni, rappresentando la FASSID, parlerà alla Tavola Rotonda di apertura del 3° Convegno Triveneto sul tema “ICT – Privacy e Tutela dei Dati in Sanità – Innovazioni in Medicina – Intelligenza artificiale - robotica” che si svolgerà a Cortina d’Ampezzo nei giorni giovedì 31 gennaio, venerdì 1 febbraio e sabato 2 febbraio 2019, presso l’Hotel Miramonti. Il convegno, organizzato dai Presidenti degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Belluno, Rovigo e Trieste, vuole costituire un momento importante di approfondimento e confronto su temi così rilevanti e ad alto impatto sia nella vita dei cittadini che in quella dei professionisti medici. Alla Tavola Rotonda “Privacy in Sanità: quale impatto sulla vita del cittadino e del professionista”, propedeutica ai lavori congressuali, parteciperanno con Mazzoni anche il Presidente FNOMCeO Dott. Filippo Anelli, il Presidente CAO Dott. Raffaele Iandolo, il Presidente ENPAM Dott. Alberto Oliveti, il Magistrato – già Procuratore Aggiunto di Venezia Dott. Carlo Nordio, il Dott. Tonino Aceti di Cittadinanzattiva, lo Psichiatra Prof. Diego De Leo, il Dott. Antonio Magi Segretario Nazionale SUMAI/ASSOPROF e il Dott. Silvestro Scotti Segretario Nazionale FIMMG.
Il Programma

30.01.2019

La dichiarazione FASSID sulla bocciatura dell'emendamento per lo sbocco delle assunzioni: "Ottusità funzionale"

Di seguito il commento FASSID alla notizia della bocciatura dello sblocco nel Dl semplificazioni dell'emendamento 9.0.41 che viene accolto solo come ordine del giorno."Ancora una volta quando si accende una tenue speranza di dare ossigeno ad un SSN morente per una sindrome ostruttiva cronica da strangolamento, gli agenti patogeni determinati dal combinato disposto tra MEF, Ragioneria dello Stato e pseudotecnocrazia accrescono virulenza e si accaniscono in corpore vili. Un tetto alla spesa per il personale che ha determinato solo fuga all'estero o verso il privato viene impugnato con una ottusità funzionale solo a chi vuole la disgregazione. Inutile ogni parola spesa da dirigenti sanitari, medici e pazienti a difesa del bene salute, costituzionalmente garantito. Funzionari sordi fanno quelli che a Roma vengono chiamati risparmi di Maria Calzetta, ovverosia tagliano oggi facendo perdere quel poco residuo valore ai beni comuni che dovrebbero difendere. A questo punto nel progressivo omicidio del SSN più che la colpa c'è da indagare sul dolo".

28.01.2019

Nessun incontro in ARAN sino a modifica comma 687

FASSID, congiuntamente a tutti gli altri sindacati della dirigenza medica, sanitaria e veterinaria, in vista della convocazione del 30 gennaio p.v. presso l’ARAN, comunica che non parteciperà ad alcun incontro fino alla modifica del comma 687 della legge di bilancio 2019, da approvare all’interno dell’emanando DL Semplificazioni. Leggi lettera intersindacale

22.01.2019

FASSID SOSPENDE LO SCIOPERO INSIEME ALL'INTERSINDACALE DOPO L'INCONTRO CON MINISTRO GRILLO

 A seguito dell'incontro che si è tenuto ieri con il Ministro della Salute Grillo, la FASSID insieme a tutta l'Intersindacale della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria ha deciso di sospendere lo sciopero proclamato per il 25 gennaio, pur mantenendo lo stato di agitazione e partecipando alle assemblee previste in quel giorno in tutta Italia. A sbloccare la trattativa è stata la garanzia del Ministro che due emendamenti al Decreto Semplificazioni, la modifica del comma 687 e lo sblocco del tetto di spesa per il personale, possano essere approvati. Inoltre, Grillo si è impegnata ad aprire un tavolo con Mef e Funzione pubblica per risolvere la questione della Ria.

Ricordiamo le nostre richieste: 1) modifica del comma 687. 2) tavolo di confronto con i ministeri interessati per trovare una soluzione sull’utilizzo della Ria. 3) sblocco del limite di spesa per le assunzioni nel SSN. 4) recupero dei contratti di formazione non assegnati.

Questo il commento della Segreteria FASSID: "Apprezziamo l'impegno del Ministro e vogliamo dare credito alle sue parole ma cautamente aspettiamo i fatti. Abbiamo avuto rassicurazioni su due aspetti: la modifica del comma 687 che blocca il rinnovo del contratto all’Aran e l’impegno per presentare un emendamento che riapra la trattativa per lo sblocco del tetto di spesa del personale. Altro aspetto è la retribuzione di anzianità, già nello stipendio dei medici, che chiediamo sia trasferita sui fondi accessori per pagare gli straordinari, le notti, i festivi. Su questo abbiamo registrato la promessa del Ministro che convocherà un tavolo tecnico con il Mef e Funzione pubblica per affrontare la questione. E’ giusto visto il suo impegno e il poco tempo al governo darle credito e possibilità di lavorare per cercare di mantenere quanto promesso. Comunque non abbassiamo la guardia. Il 25 gennaio ci saranno Assemblee in tutte le Aziende.”

11.01.2019

TUTTI IN PIAZZA A ROMA GIOVEDI' 17

# ORABASTA! #DIGNITA' #CONTRATTO #ASSUNZIONI #SUBITO. Queste le parole d'ordine dei medici e dirigenti sanitari che in vista dello sciopero del 25 gennaio rilanciano le rivendicazioni della categoria in piazza per richiamare l'attenzione del Governo, delle Regioni e delle Istituzioni. Scarica la locandina e affiggila nei luoghi di lavoro.

08.01.2019

LEGGE DI BILANCIO 2019: pietra tombale sul rinnovo del contratto!

Il comunicato dell'Intersindacale

L'allarme arriva dall'intersindacale dei medici, veterinari e sanitari: il famigerato comma 687 azzererà tutti i passaggi della già difficile trattativa per il rinnovo del contratto scaduto da 10 anni. Tutto da rifare, dunque, dall'accordo sulle aree agli atti di indirizzo se nel primo provedimento utile in Parlamento non si provvederà ad abolire questa norma. In caso contrario la categoria avrà un motivo in più per scioperare il 25 gennaio e oltre!Leggi il comunicato Intersindacale

18.12.2018

PER LA SANITÀ PUBBLICA E PER LA DIGNITÀ DEL NOSTRO LAVORO DUE GIORNATE DI SCIOPERO NAZIONALE A GENNAIO 2019

Le organizzazioni sindacali della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria del SSN giudicano deludente la manovra economica approvata alla Camera e chiedono sostanziali modifiche al Senato in nome della sanità pubblica e del lavoro dei suoi professionisti. Gli impegni assunti dopo lo sciopero nazionale del 23 novembre scorso appaiono in gran parte disattesi. La stessa inclusione dell’indennità di esclusività nella massa salariale solo a partire dal CCNL 2019/2021, significa che nella tornata 2016/2018, non ancora conclusa per l’area della dirigenza sanitaria, l’incremento contrattuale del 3,48% sarà riferito ad un dato economico ridotto rispetto a quanto previsto per tutti i comparti del pubblico impiego e per la medicina convenzionata che hanno potuto utilizzare tutti gli specifici elementi retributivi. Anche l’esiguo incremento del numero dei contratti per la formazione specialistica post laurea, è da considerare largamente insufficiente a compensare l’esodo pensionistico che investirà il SSN nei prossimi anni. In definitiva, non si vedono le risposte attese alle richieste avanzate prima e dopo lo sciopero. Niente per le assunzioni necessarie per riportare le condizioni di lavoro ad uno stato umano e ridurre attraverso questa via, come il “Contratto di Governo” ha promesso, le liste di attesa; niente per aumentare i livelli retributivi bloccati al 2010 con una perdita economica per ogni dirigente valutabile in 30.000 €; niente per superare il blocco imposto dalla sciagurata legge “Madia” alle risorse accessorie, patrimonio storico irrinunciabile della categoria a garanzia del futuro contrattuale delle giovani generazioni. Anzi, continua, in barba al cambiamento promesso, un finanziamento presente e futuro del FSN irrisorio.. Leggi il comunicato intersindacale

05.12.2018

DOPO LO SCIOPERO IL CONTRATTO DEI MEDICI E DIRIGENTI SANITARI È AL PUNTO DI PARTENZA. SENZA SOLUZIONI CONCRETE POSSIBILI NUOVI SCIOPERI

La discussione della Legge di Bilancio, e dei provvedimenti collegati, procede senza che si intravveda il mantenimento degli impegni assunti con i medici, ed i cittadini, fin dal contratto di governo,un testo sacro per tutto ma non per il capitolo salute. Leggi il comunicato intersindacale

Intanto la manovra è  all’esame dell’Aula alla Camera. Ecco tutte le modifiche in materia sanitaria approvate dalla Commissione Bilancio. Atteso voto di fiducia. Leggi tutto su Quotidiano Sanità

30.11.2018

Ricorso al TAR della Lombardia contro le delibere sulla cronicità, ci vuole ancora un po' di tempo

Nel corso dell’udienza del 28 novembre SIMET, SMI, UMI, SNAMI Pavia hanno chiesto un rinvio per poter presentare le “motivazioni aggiunte” finalizzate ad impugnare anche l’ultima delibera; lo SNAMI Regionale si è invece ritirato dal ricorso per sopravvenuta carenza d’interesse. Il SIMET rimane convinto che le delibere sulle cronicità debbano essere contrastate con ogni mezzo e in ogni sede non solo per tutelare gli interessi dei medici di famiglia e dei cittadini lombardi. Si tratta di una battaglia fondamentale che deve essere vinta a tutti i costi perché è in gioco il nostro futuro e quello dei medici che prenderanno il nostro posto, e per raggiungere l’obiettivo è fondamentale continuare a spiegare ai cittadini quale enorme errore sarebbe l’adesione al nuovo modello di gestione della cronicità, per far sì che il 10% che ha sottoscritto il patto di cura continui ad essere un’insignificante minoranza.Leggi tutto l'articolo

26.11.2018

Passa emendamento al Decreto fiscale. Medici, farmacisti, altri operatori e strutture sanitarie esonerate dall’obbligo di fatturazione elettronica nel 2019

Approvato emendamento del relatore Fenu (M5S). La decisione è stata presa dopo le osservazioni del Garante della Privacy su possibili problemi di sicurezza nel sistema di interscambio dell’Agenzia delle Entrate e sulle loro conseguenze legali, già sollevati in precedenza da un'interrogazione dei deputati di FI in Commissione Finanze. Leggi tutto su Quotidiano Sanità

24.11.2018

Sciopero riuscito. Adesioni del 90% in tutta Italia. Il Ministro Grillo convoca i sindacati dopo la conferenza stampa.

LA RASSEGNA STAMPA FASSID

20.11.2018

SCIOPERO NAZIONALE VENERDI 23 NOVEMBRE 2018. #iocisarò

ORE 11.30 - CONFERENZA STAMPA AL SAN CAMILLO

 

Contatti | Mappa del Sito